Monumento alla memoria delle vittime della strada
indirizzo Monumento
indirizzo Largo Don Paolo Orsini, Roccagorga
indirizzo

Il Monumento dedicato alle vittime della strada è stato inaugurato il 5 Aprile 2008 in Piazza Martiri Ardeatini. È stato ideato e disegnato da Fabrizio Bonanni e realizzato dall’artigiano Genuino Gigli.
Il Monumento è stato collocato nel Piazzale Martiri Ardeatini.
L’Associazione Pro Loco di Roccagorga in collaborazione con l’Amministrazione Comunale ha deciso che era giusto inaugurare questo monumento perché tante, troppe sono state e sono le vittime della strada per comportamenti sconsiderati quali l’alcool e la droga o semplicemente perché sono capitati nel posto sbagliato al momento sbagliato; inoltre così facendo si vuole sensibilizzare la gente verso questo attualissimo problema che sembra non trovi alcuna soluzione al momento l’unica cosa che si può fare è non dimenticare quei volti e quei sorrisi che sono stati a noi così vicini e che hanno portato un raggio di sole nella nostra vita….mentre la loro si è spezzata così improvvisamente e prematuramente!!!!

Struttura tubolare in ferro contenente delle staffe cilindriche che servono per dare equilibrio al monumento. Raffigura la sagoma di un uomo, nella quale sono conficcati dei vetri infranti, simbolo di rottura dalla vita dopo l’incidente stradale, e alla base sono poste delle mani incrociate, simbolo di unione, di ricordo e di speranza che tutto questo possa cambiare.
Posta sopra le mani, c’è una targa che recita queste parole:
“Non dimenticheremo gli occhi che ci hanno guardato e le bocche che ci hanno sorriso - L’Amministrazione Comunale e la Pro Loco di Roccagorga in memoria delle vittime della strada - Roccagorga 5 aprile 2008”
Alla base della struttura troviamo delle lastre in ferro che raffigurano due mani incrociate che, come le crepe, sono saldate con delle staffe alla struttura centrale.
Posta inferiormente alle mani, c’è una piccola targa in forex con il nome dell’ideatore e del realizzatore della struttura, rispettivamente Fabrizio Bonanni e l’artigiano Genuino Gigli. La Scultura è posta sopra un ciglio in travertino sul quale è stata posta della pietra locale che contribuisce alla bellezza scenica del monumento. Il ciglio è posto ad angolo tra il muro posteriore alla struttura e un’aiuola piena di fiori e piante contornata da muratura color rosa, fatta a semicerchio.